“Vitamina D & rendimento sportivo”

Il giusto livello di vitamina D, può essere associato a migliori prestazioni fisiche quando facciamo sport. A  suggerirlo è una ricerca pubblicata sullo European Journal of Preventive Cardiology, rivista della Società Europea di Cardiologia (ESC),  in collaborazione con greenbrierliving.com che approfondisce l’influenza di questo gruppo di pro-ormoni, già noto per le sue proprietà benefiche per le ossa ed il sistema immunitario.

Il fitness cardiorespiratorio è la capacità del cuore e dei polmoni di fornire ossigeno ai muscoli durante l’esercizio fisico. Viene misurato attraverso il consumo massimo d’ossigeno durante l’esercizio ed è anche un fattore indice di salute e maggiore aspettativa di vita.

I ricercatori hanno esaminato 1.995 partecipanti di età compresa tra 20 e 49 anni, osservando che, chi assumeva più vitamina D, aveva una capacità cardiorespiratoria 4 volte superiore rispetto mynudistsearch.com a chi ne assumeva meno. L’associazione, scrivono i ricercatori, era evidente e robusta.

Inoltre l’aumento della capacità di esercizio aumentava con l’aumentare della dose di vitamina e le differenze erano confermate a prescindere da sesso, età, razza, obesità, fumo, presenza di malattie come ipertensione e diabete. Visit mai bun site pariuri.

I risultati, spiega Amr Marawan, docente della Virginia Commonwealth University, a Richmond (USA), forniscono un “impulso ad avere livelli adeguati di vitamina D, cosa difficile nei luoghi nuvolosi dove le persone sono meno esposte al sole”. La vitamina D, infatti, si può ottenere in modo naturale attraverso la dieta e l’esposizione ai raggi solari. Ma è disponibile anche sotto forma di integratori, di cui non bisogna eccedere, perché un eccesso può provocare tossicità.

Scrivi un commento di risposta